L’acqua pubblica è un bene e un diritto di tutti, nel Lazio è legge Abbiamo approvato all’unanimità la legge che difende l’acqua come bene comune. Abbiamo riconosciuto e valorizzato il ruolo dei cittadini e dei Comuni nella gestione e nel controllo su un bene comune come l’acqua



L’acqua è un bene di tutti. Approvata all’unanimità la legge che difende l’acqua come bene comune. Il Lazio mette nero su bianco quello che i cittadini italiani hanno deciso con il referendum del 2011: l’acqua è un bene naturale e un diritto umano universale che non può essere mercificato e va difeso.

Siamo soddisfatti, è la vittoria dei cittadini e delle istituzioni che hanno combattuto insieme per garantire un uso sostenibile e solidale delle risorse idriche.

Cosa prevede la legge?

Abolizione dei vecchi Ato, gli ambiti territoriali ottimali. L’acqua sarà gestita in base a un bilancio idrico che dovrà assicurare l’equilibrio preciso tra i prelievi e la capacità naturale di ricostituzione del patrimonio idrico e la qualità ambientale. Il bilancio sarà aggiornato almeno ogni cinque anni.

Report annuale sulle perdite idriche nelle reti di distribuzione, per eliminare ogni spreco. Le autorità di bacino dovranno presentarlo una volta all’anno e sarà pubblicato on line.

Gli ambiti di bacino idrografico. Li individueremo entro tre mesi dall’entrata in vigore della legge. Ogni ambito sarà gestito da un’autorità di bacino. Alle assemblee decisionali per pianificare e programmare il servizio idrico, parteciperanno anche gli enti locali dei diversi territori, i cittadini e i lavoratori del servizio per una gestione coordinata e condivisa delle risorse.

Il fondo per la ‘ripubblicizzazione’. Potranno utilizzarlo gli enti locali che vogliono tornare a gestire il servizio idrico, subentrando alle società di capitale. Finanzieremo il fondo con un capitolo di bilancio apposito nel triennio 2014-2016.

Il fondo solidarietà internazionale. Vogliamo fare la nostra parte, perché in qualsiasi parte del pianeta sia possibile accedere all’acqua potabile. Con questo fondo finanzieremo progetti di cooperazione che non abbiano nessuna forma di profitto privato.

Attraverso questa legge vogliamo salvaguardare le aspettative e i diritti delle generazioni future e non pregiudicare il nostro patrimonio idrico e l’ambiente.


Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
parajumpers outlet
buy AAA Replica Watches rolex watches datejust tag heuer replica