Terre pubbliche ai giovani: creiamo lavoro e difendiamo l’ambiente Dopo 45 anni assegniamo 320 ettari di terreni di proprietà della Regione per la creazione di nuove imprese agricole. Vogliamo dare un’opportunità ai giovani che vorrebbero investire su questo settore ma non ne hanno possibilità



(Foto di Miriam Mezzera)

La disoccupazione, soprattutto giovanile, è una delle più grosse emergenze della nostra Regione. Abbiamo deciso di affrontare questo problema non a parole ma con fatti concreti. Un esempio?

Assegniamo terre pubbliche ai giovani, è la prima volta dopo 45 anni. Creiamo nuove opportunità di lavoro e di sviluppo sostenibile grazie all’agricoltura, un settore trainante per la nostra economia, e difendiamo l’ambiente, senza lasciare le terre incolte o in mano alla speculazione.

320 ettari di terreni per nuove imprese agricole. Si tratta di terreni della Regione che abbiamo messo a disposizione dei tanti imprenditori che vorrebbero investire su questo settore ma non ne hanno possibilità.  È un simbolo di come stiamo lavorando per trasformare le cose non con pacche sulle spalle o con promesse, ma con i fatti. È un bellissimo segnale di speranza e anche un’altra scommessa che il Lazio sta vincendo.

Un sostegno economico per i vincitori. Abbiamo stanziato 150mila euro per favorire la nascita di nuove imprese e 500mila euro per sostenere gli investimenti, che saranno garantiti presso le banche dal patrimonio Arsial, l’agenzia regionale per lo sviluppo e l’innovazione dell’agricoltura.  I terreni saranno concessi in affitto per 15 anni, con la possibilità di rinnovo per altri 15 anni.

Servizi di assistenza e tutoraggio per i giovani imprenditori. Privilegiamo in particolare i giovani imprenditori agricoli tra i 18 e i 39 anni.  Non li lasceremo soli,  offriremo sostegno costante in tutte le esigenze e le sfide che incontreranno. Lo faremo con l’aiuto delle strutture tecniche dell’Arsial e della Regione.

Assegnati i primi sette lotti ai vincitori del bando. I terreni saranno utilizzati oltre che per la coltivazione di ortaggi e la realizzazione di allevamenti anche per una fattoria didattica, ad esempio, un agriturismo e un punto vendita aziendale. Vai qui per sapere dove si trovano e per cosa saranno utilizzati questi terreni.

Più di cento risposte al bando: un grande successo dell'iniziativa che testimonia l'impegno e la grande attenzione che abbiamo dimostrato in un settore strategico come quello agricolo. Sono stati presentati, infatti, ben 118 piani aziendali

Abbiamo scommesso partendo da un principio molto semplice: i terreni vanno coltivati. Per questo motivo li abbiamo messi a disposizione di chi ha voglia e passione. Il Lazio diventa così un esempio di buone pratiche per tutto il Paese.


Per partecipare alla discussione sulle ultime attività seguimi su Facebook Se vuoi essere aggiornato sulle notizie più importanti iscriviti alla newsletter.
parajumpers outlet
buy AAA Replica Watches rolex watches datejust tag heuer replica