In Regione / Salute

Abbiamo cambiato il volto a 12 pronto soccorso di Roma

Non ci siamo limitati a rimbiancare le pareti, ma abbiamo migliorato le strutture, dotandole di tecnologie moderne e all’avanguardia per garantire a tutti servizi migliori e più vicini alle persone. La ristrutturazione, il potenziamento e l’acquisto delle nuove attrezzature di 12 pronto soccorso di Roma


Cosa abbiamo trovato:

Tanti grandi ospedali della Capitale ormai non garantivano più un’offerta sanitaria degna di questo nome: erano vecchi, fatiscenti e malandati. L’occasione del Giubileo straordinario indetto da Papa Francesco ha rappresentato un incentivo ulteriore a fare presto e bene, per garantire non solo ai cittadini ma anche ai pellegrini e ai turisti un’assistenza sanitaria degna di questo nome, una rete dell’emergenza pronta ed efficiente. Ci siamo riusciti, in pochissimi mesi.

 

Cosa abbiamo fatto:

Non ci siamo limitati a rimbiancare le pareti, ma abbiamo migliorato le strutture, dotandole di tecnologie moderne e all’avanguardia per garantire a tutti servizi migliori e più vicini alle persone. La ristrutturazione, il potenziamento e l’acquisto delle nuove attrezzature di 12 pronto soccorso di Roma.

Ecco quali sono gli ospedali interessati dagli interventi:

  • Policlinico Umberto I
  • AO San Giovanni Addolorata
  • AO San Camillo Forlanini
  • AOU PTV
  • Sandro Pertini
  • Eugenio/CTO
  • Grassi – Ostia
  • AOU Sant’Andrea
  • San Filippo Neri
  • Santo Spirito
  • Gonfalone (psichiatria)
  • Policlinico Gemelli

88 milioni di euro in totale. Di questi: oltre 19 milioni di euro della Regione come stanziamento diretto per l’emergenza straordinaria rappresentata dal Giubileo: di questi, 3,5 per il rinnovo del parco ambulanze, 1,7 per la messa a norma delle strutture sanitarie e 14 milioni per l’ampliamento dal 15% al 30% delle deroghe allo sblocco del turn over. E ancora oltre 33,5 milioni di euro per l’adeguamento e messa a norma dei pronto soccorso. Gli altri 35 milioni sono fondi che abbiamo chiesto di attivare sul fondo sanitario nazionale 2015 e saranno utilizzati per il potenziamento del personale nelle unità operative di pronto soccorso, del 118 e per finanziare i corsi di formazione dei volontari.

Lavori in tempi di record, con risultati eccezionali. Un esempio è quello del Santo Spirito, una grandissima prova di efficienza perché siamo riusciti a ultimare lavori strutturali e dare ai cittadini di Roma e ai suoi visitatori un presidio per le emergenze completamente rinnovato in appena 158 giorni.

Investire sull’edilizia sanitaria è importante, il nostro obiettivo è stato il rilancio e l’intervento sull’edilizia sanitaria in accordo con tutte le Asl e per garantire un salto di qualità a cittadini e pazienti.