28/09/2020

Dai beni confiscati una nuova casa famiglia per minori

La Regione Lazio trasformerà un bene confiscato in uno spazio per il sociale, una casa famiglia per minori, così come ci ha chiesto il Comitato di Quartiere.


Il 16 giugno scorso la Questura di Roma aveva sequestrato al clan dei Casamonica questa villa. Si trova in via Roccabernarda, alla Romanina.

In questa stessa strada la Regione Lazio ha trasformato due beni confiscati in un centro per famiglie di ragazzi autistici e in un parco pubblico.

Ecco perché, già poche ore dopo il sequestro, avevamo chiesto al Tribunale l’assegnazione di questo terzo immobile. Per restituirlo ai cittadini.
Oggi vi do una buona notizia: in questa villa realizzeremo uno spazio per il sociale, una casa famiglia per minori, così come ci ha chiesto il Comitato di Quartiere.


Da anni come Regione Lazio siamo impegnati a trasformare i beni confiscati in beni comuni.


Per me è una questione di principio: quando un immobile torna dal crimine allo Stato, deve andare nelle mani dei cittadini e non rimanere abbandonato per anni.
Così torna la speranza, con gesti concreti. Segni di un’Italia che rinasce insieme, a partire dalla legalità e dalla giustizia