09/04/2019

Il ddl Pillon va cestinato

Siamo con le donne, gli uomini e le associazioni che in queste ore si stanno mobilitando perché sia cancellata per sempre la follia del disegno di legge Pillon. Le senatrici e i senatori del Partito Democratico lanciano una maratona di interventi in Commissione Giustizia al Senato per dire che noi non arretreremo di un millimetro finché quel testo, figlio di una cultura machista e retrograda, non verrà ritirato


Siamo con le donne, gli uomini e le associazioni che in queste ore si stanno mobilitando perché sia cancellata per sempre la follia del disegno di legge Pillon. Le senatrici e i senatori del Partito Democratico lanciano una maratona di interventi in Commissione Giustizia al Senato per dire che noi non arretreremo di un millimetro finché quel testo, figlio di una cultura machista e retrograda, non verrà ritirato.

Il ddl Pillon non è emendabile, né migliorabile: va semplicemente cestinato. Noi lo diciamo da mesi e su questo punto speriamo che entrambe le forze di maggioranza, al di là degli annunci di Di Maio, procedano con coerenza.

La via è una sola: ritirare subito il ddl e non riproporre mai più norme che attentano al benessere dei bambini, alla libertà delle donne e che mettono in pericolo l’equilibrio delle famiglie, il principio della separazione consensuale e rischiano di occultare la violenza domestica. Stare dalla parte delle famiglie significa lottare per la libertà e l’autodeterminazione delle donne, combattere contro ogni discriminazione e diseguaglianza, economica e sociale, moltiplicare le opportunità, costruire una rete solida di servizi, affermare i diritti di tutte e di tutti.