07/08/2018

Decreto di Maio: un errore che si ritorcerà contro tanti lavoratori

Poteva essere un’opportunità per migliorare il funzionamento del mondo del lavoro, partendo da una valutazione oggettiva di quanto è stato fatto negli ultimi anni. Questa occasione, purtroppo, è stata del tutto sprecata


Ridurre la precarietà è un dovere morale: troppi giovani e meno giovani vivono sulla propria pelle l’esperienza di lavori instabili, senza certezze, spesso sottopagati. Il decreto Di Maio, che oggi sarà legge, persegue (a parole) questo obiettivo ma lo fa con un insieme di norme confuse, controproducenti e lontane dalla realtà del sistema produttivo.

È un errore, che si ritorcerà contro tanti lavoratori. Il decreto poteva essere un’opportunità per migliorare il funzionamento del mondo del lavoro, partendo da una valutazione oggettiva di quanto è stato fatto negli ultimi anni. Questa occasione, purtroppo, è stata del tutto sprecata.