05/03/2018

Grazie a tutti, ora rigeneriamo il centrosinistra

Questo è stato un incredibile risultato, importante perché offre alla nostra comunità la giusta stabilità. Arrivata, tra l'altro, nei giorni della più devastante sconfitta della sinistra della storia della Repubblica. Un risultato che dimostra che siamo vivi e che si può vincere mentre governiamo e non sempre dall'opposizione


Non l’ho mai fatto e non lo farò mai più, ma visto che tante persone hanno creduto a questa nostra grande sfida. Ringrazio due persone che se sono qualcosa lo sono grazie a loro: ringrazio questa sera due persone straordinarie che mi hanno dato tutto e sono mia madre e mio padre.

Questa bella alleanza sperimentata nel Lazio, deve dare il suo contributo per rigenerare il centrosinistra. Otteniamo questa scelta da parte dei cittadini, una incredibile straordinaria e bellissima rimonta nel Lazio nel giorno della più devastante sconfitta per le forze del centrosinistra nella storia della Repubblica. Un risultato in controtendenza che dimostra che siamo vivi, forti e vitali. Confidiamo che la differenza elettorale tra il voto politico e quello regionale oscilli in una forbice che va a nostro vantaggio da 250.000 a 300.000 voti. Distruggiamo la lettura per cui alle elezioni vincono i partiti che sono all’opposizione. Noi abbiamo vinto e governavamo.

Ora si apre una fase al servizio del Lazio per ricostruire la speranza, che è l’opposto dell’odio, della divisione, dell’egoismo, del capro espiatorio, del cavalcare le paure dei cittadini. Una nuova fase importante per rigenerare il centrosinistra. È il tempo della rigenerazione. Il voto di ieri è importante perché è avvenuto nello stesso giorno della più devastante sconfitta per le forze del centrosinistra della storia della Repubblica. È un voto totalmente in controtendenza – che segna che siamo vivi, vitali e vittoriosi.

Da questo mi muoverò.  Lo dico con immensa umiltà per guardare in faccia il dolore dei cittadini di questa regione, con lo spirito di servizio. È molto importante perché distrugge una lettura di quanto avviene in Europa in cui vincono partiti che erano all’opposizione. Noi abbiamo vinto e governavamo. Sinistra significa per tutti ricostruire un’anima, un progetto, una visione una cultura politica una identita’ per chi si sente da questa parte del campo. Le differenze unite in un’unica cultura politica non significano debolezza ma forza, e deve vivere e rinascere la stagione del ‘per’ e del noi.

Abbiamo costruito una bella larga plurale ricca alleanza e dimostrato che quando prevalgono valori si può fare, si può vincere e vincere bene. L’Italia sta vivendo un momento difficile della sua vita democratica. Non so se vive la prima, la seconda o la terza Repubblica ma so che noi ci saremo difendendo la Costituzione forti delle nostre idee e valori, a testa alta.