14/01/2019

Anche quest’anno con tanti ragazzi che hanno partecipato alla simulazione Onu, un bellissimo segnale

Model United Nations è la più grande simulazione di attività diplomatiche per studenti. Ciascuno di loro rappresenta un Paese e deve tutelarne interessi, anche tenendo conto delle esigenze degli altri Paesi. Un modo per ascoltare gli altri, confrontarsi e giungere a delle conclusioni comuni. Io sono orgoglioso di seguire da otto anni questa avventura perché bisogna scommettere sulla creatività, la forza e la passione di una nuova generazione


Ogni anno vengo a salutare i ragazzi e le ragazze che partecipano a Model United Nations. La più grande simulazione di attività diplomatiche per studenti. Ciascuno di loro rappresenta un Paese e deve tutelarne interessi, anche tenendo conto delle esigenze degli altri Paesi. Un modo per ascoltare gli altri, confrontarsi e giungere a delle conclusioni comuni.

Sosteniamo da anni questo progetto che aiuta i ragazzi a crescere più consapevoli. Italian Model United Nations è un’esplosione di passione, di vita e di intelligenza di una nuova generazione che sceglie il confronto, il dialogo e il valore delle differenze come modello di vita.

L’Onu dei giovani.  Si tratta della più grande simulazione dei processi diplomatici delle Nazioni Unite. Protagonisti oltre 4500 studenti delle scuole italiane che dal 14 al 30 gennaio tra Roma, Torino, Bari, Catania, Napoli, Milano e Palermo si cimenteranno nel ruolo di ambasciatori e delegati per arrivare a

Un bellissimo segnale perché Imun si fa grazie alle scuole e a questo straordinario volontariato. Si parla tanto dei problemi e forse bisognerebbe guardare di più a questa straordinaria pratica, che coinvolge ormai in Italia migliaia di studenti. Io sono orgoglioso di seguire da otto anni questa avventura, perché avevamo ragione: bisogna scommettere sulla creatività, la forza e la passione di una nuova generazione e noi non smetteremo mai  di farlo.