In Regione / Economia

Innovazione e risorse per far crescere le imprese del Lazio nel mondo

Quando siamo arrivati la nostra Regione non investiva risorse sull’internazionalizzazione delle imprese, non c’era neanche un euro su questo obiettivo così importante. Un paradosso e uno spreco enorme rispetto a un potenziale di eccellenze immenso. Abbiamo lavorato fin dal primo momento per cambiare passo e ci siamo riusciti grazie a un sistema che ha lavorato insieme e bene. Nuove risorse, meno burocrazia e innovazione: così abbiamo fatto conoscere le imprese del nostro territorio in tutto il mondo.


Cosa abbiamo trovato:

Quando siamo arrivati la nostra Regione non investiva risorse sull’internazionalizzazione delle imprese, non c’era neanche un euro su questo obiettivo così importante. Per questo intervenuti fin da subito dando segnali forti e chiari alle imprese del Lazio, e l’abbiamo fatto non solo con risorse finanziarie ma anche ricostruendo un sistema di relazioni internazionali che la nostra regione aveva perso.

 

Cosa abbiamo fatto:

Il Lazio ha cambiato passo grazie a un sistema che ha lavorato insieme e che è fatto da soggetti istituzionali, imprenditori, partner stranieri: un sistema coeso, che fissa obiettivi comuni e si muove insieme per raggiungerli. È stato da subito un grande valore e un fortissimo incoraggiamento ad andare avanti con risorse e progetti concreti per non far sentire soli gli imprenditori e aiutarli a valorizzare i loro prodotti e le loro eccellenze. E poi abbiamo semplificato le cose, ridotto la burocrazia soffocante.

A grande velocità nella sfida globale tra imprese e sistemi territoriali.  Un lavoro che è andato avanti passo dopo passo anche grazie alla collaborazione con l’Ice, l’Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, e con tanti, solidi interlocutori che ci hanno permesso di integrare la nostra strategia di internazionalizzazione con le azioni e le iniziative promosse dal Governo, dall’Europa, dai paesi esteri. Un grandissimo sforzo portato avanti insieme a tutte le forze produttive della nostra regione indica, e i risultati raggiunti in questi anni ci dicono che ce l’abbiamo fatta.

Ecco alcune delle azioni più importanti che abbiamo portato avanti:

I programmi per l’internazionalizzazione delle imprese. In particolare abbiamo sostenuto due programmi pluriennali, uno per il biennio 2014?2015 e l’altro per quello 2016?2017: entrambi con lo stesso obiettivo: sostenere internazionalizzazione di prodotto e di processo delle imprese e valorizzare l’export del Lazio. Il tutto con strategie mirate nei 9 macrosettori cardine: Agroalimentare; Aerospazio&sicurezza; Bioscienze; Industrie culturali, creative, dell’audiovisivo, dell’editoria e del turismo; Design, moda e Italian style; Tecnologie delle costruzioni, restauro e recupero; Economia del mare; Green economy; Automotive. Abbiamo investito 26,4 milioni coinvolgendo migliaia di imprese.

Tra le azioni messe in campo, abbiamo promosso un master, in collaborazione con ICE, che ha permesso di formare 20 ragazze e ragazzi come export manager da inserire nelle imprese laziali. Abbiamo inoltre lanciato il portale Lazio International, che ad oggi ha registrato oltre 120.000 visite e oltre 5.000 iscritti alla newsletter.

Abbiamo sempre lavorato con la convinzione che la nostra sia una partita importante non solo per il Lazio ma per l’intero Paese, per dare un contributo importante per far ripartire l’Italia, rimettere un segno più sul Pil e riprenderci quel ruolo centrale che compete all’Italia in Europa e nel mondo.