07/03/2019

Pisapia: io con il PD di Zingaretti, basta con chi vuole soltanto dividerci

“Zingaretti ha l’obiettivo e il merito di mettere insieme mondi e realtà diverse che hanno voglia di impegnarsi, anche tanti che avevano perso ogni fiducia nella politica”: Giuliano Pisapia a Stefano Cappellini, La Repubblica, 7 marzo 2019


Intervista a Giuliano Pisapia di Stefano Cappellini, La Repubblica, 7 marzo 2019

Giuliano Pisapia, dove eravamo rimasti? L’abbiamo lasciata che, da leader di Campo progressista, si ritirava dalle elezioni del 2018 dopo mesi di trattative inutili con Pd e Leu. «Eravamo rimasti al 12 dicembre 2017, quando ho rinunciato a un progetto unitario che adesso si sta realizzando. Per quel progetto ho continuato a lavorare, girando per l’Italia e confrontandomi con le tante realtà civiche e progressiste presenti sul territorio».

Per quella travagliata rinuncia le hanno incollato l’etichetta dell’indeciso. «Ci voleva più coraggio a lasciare che a continuare. Io volevo unire, allora ha vinto chi voleva dividere e purtroppo i risultati si sono visti con la drammatica sconfitta del marzo scorso».

Chi voleva dividere? Renzi? «Non è più il tempo delle polemiche. Bisogna sanare non poche ferite del passato ma è giunto il momento di fare passi avanti. Oggi abbiamo un’altra occasione e possiamo evitare di ripetere gli errori».

Ma nuovo e vecchio corso del Pd possono convivere? Renzi resterà o torneranno le scissioni? «Il popolo delle primarie ha indicato una direzione chiara. Ho apprezzato che Renzi abbia detto di non voler fare fuoco amico su Zingaretti. Fino a prova contraria, non c’è motivo di non credergli».

Con Zingaretti segretario dunque torna in campo? «Zingaretti ha l’obiettivo e il merito di mettere insieme mondi e realtà diverse che hanno voglia di impegnarsi, anche tanti che avevano perso ogni fiducia nella politica».

Prodi torna vicino al Pd. Letta riprende la tessera. Si iscrive anche lei? «Spero si affermi un modo di fare politica che superi i confini di una tessera di partito. Una sinistra unitaria deve riuscire a mettere insieme chi è iscritto al Pd e chi non lo è. Oggi io non lo sono e non penso di iscrivermi. Ho guidato a Milano una coalizione in cui il Pd era il partito decisamente più grande ma dentro c’erano forze civiche, radicali, ambientaliste, di sinistra».

Un’esperienza da replicare alle europee? Con quali confini a destra e sinistra? «Sono convinto che sia ancora profonda la differenza tra destra e sinistra. Quando si parla di lavoro, di accoglienza, di diritti, di innovazione, di cultura, di parità di genere. Non tocca a me mettere confini o paletti. Credo nel Noi e non nell’Io».

Il Pd deve rinunciare al simbolo? «Alle primarie ha partecipato oltre un milione e mezzo di persone che hanno confermato che il Pd è fondamentale per la costruzione di una politica progressista. Ma il Pd non è, e non può essere, il solo protagonista di questa nuova storia. Bisogna andare in ordine: il progetto, gli obiettivi, le persone e alla fine, se serve, anche i simboli».

Si dà per certa la sua candidatura come capolista alle europee. «Vede, non mai ho avuto ambizioni personali. Ho più volte rifiutato incarichi di rilievo. La mia candidatura non è importante. Il punto è se può essere utile a ricostruire il campo largo del centro sinistra e contribuire non solo a una Europa più vicina ai bisogni dei cittadini ma anche capace di compiere una svolta sul tema dei diritti, dei doveri e delle diseguaglianze. In questi mesi sono tornato a fare l’avvocato. E la mia professione, che si occupa di diritto e di diritti, continua ad appassionarmi».

Ora a guidare il governo c’è l’avvocato del popolo, Conte. «E guida un governo in cui vengono rimessi in discussione diritti civili, sociali, individuali che pensavamo non fossero più in dubbio. Penso al ddl Pillon, al decreto sicurezza, alla disintegrazione – lo scriva proprio così, con il trattino -fino alla libertà di sparare con la controriforma della legittima difesa».

Una norma a difesa delle vittime, sostiene la Lega. «No, una norma che ha fatto giustamente insorgere il mondo del diritto, della magistratura e dell’avvocatura. L’invito alla giustizia fai date. Bisogna sconfiggere il “populismo giudiziario” e ritornare a un garantismo vero, nona senso unico o a corrente alternata».

Zingaretti è partito da una visita a Torino per rivendicare la necessità che la Tav si faccia. «La Tav non è più solo la Torino-Lione, è diventata il simbolo di chi crede che la vera emergenza dell’Italia sia creare lavoro, rispettare gli impegni presi, mettere in moto uno sviluppo che ci veda protagonisti in Europa. Concordo con il presidente Chiamparino sull’idea di un referendum in Piemonte. Mi stupisce che non siano d’accordo i 5Stelle che a parole dicono di voler applicare sempre più gli strumenti della democrazia diretta».

È appena partito il reddito di cittadinanza. Il M5S si è intestato una battaglia, quella sugli esclusi, storicamente di sinistra. «Il punto non è se sia giusto aiutare chi ha bisogno, questo è ovvio. C’era già il reddito di inclusione, che era una buona base di partenza per aiutare i più bisognosi e sarebbe stato prioritario incrementare i fondi per finanziarlo. Urgente sarebbe anche un provvedimento per il salario minimo garantito. Ma la questione chiave resta: bisogna puntare sullo sviluppo o sull’assistenzialismo? Il governo va nella direzione sbagliata: più assistenzialismo, meno lavoro».

A chi deve parlare la sinistra? Siete diventati i rappresentanti delle élite, è l’accusa. «Veniamo da una lunga crisi economica che forse non è mai finita. Equità, giustizia sociale, lotta alla disoccupazione sono indispensabili. Ma attenzione: per la sinistra è fondamentale anche aiutare chi innova e produce».

Sono ipotizzabili accordi futuri con il M5S? «Delle tante battaglie di trasparenza, onestà, impegno peri beni pubblici è rimasto ben poco nei 5Stelle. Votano i provvedimenti della Lega, ne salvano il capo dai processi, rivendicano il fatto di lasciare in una situazione disumana bambini, donne e uomini che scappano da guerre e dittature. In politica contano i fatti e oggi i fatti sono questi. Non credo che l’attuale dirigenza dei 5Stelle cambierà linea, anche se a vedere i sondaggi non sembra apprezzata dagli elettori. Però distinguerei l’elettorato grillino da quello leghista. Non è una cosa da poco».

Sicuro che anche stavolta la sinistra non finisca per tornare a litigare e la costringa al dietrofront? «Stavolta no, sono sicuro».