07/06/2019

L’Italia è in crisi, voltiamo pagina

A parte le parole, al Governo continua a mancare una visione e politiche di sviluppo per creare lavoro. Sempre più aziende entrano in crisi e il Governo è bloccato in un palude di demagogia. Rivoluzione verde, meno tasse sul lavoro, scuola, università, ricerca, per sostenere le ragioni del mondo del lavoro, di chi la mattina alza la serranda del proprio negozio, dei lavoratori di Mercatone Uno, di Whirlpool, dell’ex Ilva e di tante aziende in crisi abbandonate dal Governo al loro destino


A parte le parole, al Governo continua a mancare una visione e politiche di sviluppo per creare lavoro. Sempre più aziende entrano in crisi e il Governo è bloccato in un palude di demagogia. Domani scende in piazza il pubblico impiego, la prossima settimana scioperano i metalmeccanici, i pensionati traditi si sono mobilitati sabato scorso.

Siamo vicini a queste mobilitazioni e proteste che denunciano il rischio immenso che stiamo correndo. Servono politiche industriali e investimenti per sostenere le imprese creare e salvare il lavoro. Domenica si vota e poi continueremo per organizzare l’alternativa in ogni angolo del Paese per costruire un piano per l’Italia.

Rivoluzione verde, meno tasse sul lavoro, scuola, università, ricerca, per sostenere le ragioni del mondo del lavoro, di chi la mattina alza la serranda del proprio negozio, dei lavoratori di Mercatone Uno, di Whirlpool, dell’ex Ilva e di tante aziende in crisi abbandonate dal Governo al loro destino