In Regione / Economia

La Regione delle startup e delle imprese innovative

Ci siamo lasciati alle spalle il brutto passato di una Regione Lazio che non aveva una politica di sviluppo mirata alla creazione e alla nascita di nuove imprese e nuove esperienze imprenditoriali: fin da quando siamo arrivati, infatti, siamo al lavoro sempre con lo stesso obiettivo: costruire un ambiente favorevole alle nuove imprese. Il tutto attraverso una serie di azioni coordinate: bandi, costruzione di network, come il portale Lazio innovatore, creazioni di poli dell’innovazione.


Cosa abbiamo trovato:

Cinque anni fa, quando siamo arrivati, la Regione Lazio non aveva una politica di sviluppo mirata alla creazione e alla nascita di nuove imprese e nuove esperienze imprenditoriali. Un brutto passato che ci siamo lasciati alle spalle.

 

Cosa abbiamo fatto:

Oggi il Lazio è ai primi posti per numero di startup: nel 2013 le startup iscritte alla sezione speciale del Registro Imprese erano 49, oggi con 793 startup siamo la terza regione dopo Lombardia e Emilia-Romagna e seconda per numero PMI innovative (62 contro 174 della Lombardia). Il numero delle startup è cresciuto di oltre 16 volte dal 2013 a oggi. Solamente nel 2017 le nuove startup sono già 236, cioè quasi 5 volte quelle del 2013.

 

Ecco tutte le azioni che abbiamo intrapreso per realizzare un vero e proprio ecosistema dell’innovazione:

Il lancio del portale Lazio Innovatore, un vero e proprio punto di riferimento, in cui sono mappate:

  • oltre 2000 realtà tra startup, imprese/investitori, incubatori, coworking e acceleratori;
  • Startupper School Academy, un progetto finalizzato alla promozione dell’imprenditorialità nelle scuole che ha coinvolto fino a oggi circa 8000 studenti di 268 istituti;
  • lancio di challenge, organizzazione della Startup Europe Week, partecipazione a progetti europei come Twist.

Startup Lazio 2007?2013 e Startup Lazio 2014?2020. In questi anni abbiamo sostenuto oltre 400 progetti di impresa per favorire l’ecosistema delle startup e accompagnare nella crescita le imprese innovative, dalla loro ideazione fino alla maturità. Tra risorse programmate e risorse impiegate abbiamo un totale di 140 milioni di euro.

Tanti gli strumenti messi a disposizione. Un esempio più recente nel tempo è  il bando pre-seed per la nascita di nuove imprese e una misura innovativa da 56M€ volta ad attrarre nel Lazio l’operatività di fondi nazionali ed internazionali.

Startup creative nei settori dell’audiovisivo delle tecnologie applicate ai beni culturali: dall’artigianato artistico al design, dall’architettura alla musica. Abbiamo investito 2,4 milioni di euro. Finora sono 81 le startup finanziate, delle quali 73 ancora attive 201 persone coinvolte nella compagine sociale dei progetti vincitori tra le quali 90 inoccupati, disoccupati o precariamente occupati.

La rete di Spazio Attivo, è la prima rete di hub della social innovation del Lazio ed è  presente su tutto il territorio regionale con otto  strutture, quattro a Roma e una per ciascuna provincia, con sei FabLab al loro interno.

I rimborsi fiscali per le startup innovative. Con la legge di stabilità regionale 2015 abbiamo istituito il fondo per la riduzione della pressione fiscale a carico delle imprese startup innovative, con una dotazione di 1 milione di euro l’anno tra il 2016 e il 2018 per abbassare l’Irap. Lo abbiamo fatto con l’obiettivo preciso di sostenere la crescita delle imprese innovative e valorizzare l’albo regionale delle startup esistenti iscritte al Mise.

Le startup sono un grande patrimonio del nostro territorio, e continueremo a lavorare così come abbiamo fatto in questi anni per dare forza alla creatività e a queste energie così positive.