22/06/2020

La vittoria dei ragazzi del Montespaccato calcio: prima era dei poteri criminali, ora è delle persone!

Una squadra sequestrata alla criminalità organizzata e presa in gestione da Regione Lazio e Asp Asilo Savoia. Oggi un risultato importante: la promozione in serie D. È la vittoria della legalità!


Ricordate? Neanche due anni fa la polisportiva Montespaccato Calcio era finita sotto sequestro nell’ambito di una grande operazione contro a criminalità organizzata. Poco dopo, a luglio del 2018, la svolta: la Regione Lazio entra in campo e affida la gestione della squadra all’Asp Asilo Savoia, con “Talento e Tenacia”, un grande progetto all’insegna della legalità che coinvolge centinaia di ragazzi sul territorio.

In poco tempo iniziano ad arrivare i primi successi e le prime soddisfazioni. Il Montespaccato diventa un simbolo dell’impegno della legalità per l’Italia perbene. A febbraio 2019 i ragazzi della squadra sono stati ricevuti dal Presidente Mattarella al Quirinale.

A giugno 2020 un altro, grande successo: arriva la promozione in serie D. Non è solo un passo avanti ma qualcosa di più: la prova che cittadini, istituzioni e società civile, uniti, sono più forti della criminalità. Abbiamo festeggiato questo grande traguardo nel quartiere insieme a don Ciotti, una bella mattinata all’insegna della legalità, della partecipazione. E anche un momento di gioia.

Anche il presidente della Figc Gravina ha espresso il suo apprezzamento per il valore e il grande risultato del Montespaccato Calcio, con l’impegno che quando tornerà la Nazionale a Roma ci sarà un’operazione di testimonianza a tutela della legalità.

Il Montespaccato è una realtà attiva sul territorio, un presidio di legalità che coinvolge giovani e meno giovani in tante attività sane e di volontariato, tante di queste sono andate avanti anche durante l’emergenza Coronavirus.