19/11/2019

Parità salariale tra uomo e donna: ecco la proposta di legge del Pd

Penso che quella per la parità salariale sia una battaglia giusta. Siamo certi che con la collaborazione del mondo produttivo il nostro Paese farà un significativo passo in avanti per il rispetto dei diritti delle donne. Per questo abbiamo presentato alla Camera una proposta di legge del Partito Democratico


Raggiungere la parità salariale tra uomini e donne e colmare il gap che le vede guadagnare fino a un quinto in meno dei colleghi a parità di mansioni. Le madri impiegate nel settore privato, tra l’altro, con una penalizzazione aggiuntiva: a vent’anni dalla nascita di un figlio, vengono pagate fino al 12% in meno rispetto a quelle senza figli.

Alla Camera è stata appena presentata una proposta di legge del Partito Democratico, prima firmataria Chiara Gribaudo. Penso che sia una battaglia giusta. Siamo certi che con la collaborazione del mondo produttivo il nostro Paese farà un significativo passo in avanti per il rispetto dei diritti delle donne.

Il testo si compone di due soli articoli. Il primo modifica il Codice delle pari opportunità (Dlgs 198/2006), introducendo la possibilità per le aziende pubbliche e private sotto i cento dipendenti (per quelle sopra i cento è già un obbligo) di redigere il rapporto biennale sulla situazione del personale maschile e femminile su base volontaria.

Il documento deve contenere la fotografia dei dipendenti in ognuna delle professioni e in relazione a tutte le variabili utili: stato di assunzioni, formazione, promozione professionale, livelli, passaggi di categoria o di qualifica, altri fenomeni di mobilità, intervento della Cassa integrazione guadagni, licenziamenti, prepensionamenti e pensionamenti, retribuzione effettivamente corrisposta.