21/12/2018

Per una nuova Europa vicina alle persone

L’Europa deve fare un salto in avanti generoso e coraggioso, o va incontro alla sua disintegrazione. Questa è la posta in gioco alle prossime elezioni, l’Europa da rifondare.


Per una nuova Europa vicina alle persone

Un’Unione politica, un’Europa sociale. Non ci battiamo per un’Europa astratta contro i cosiddetti populismi: ci battiamo per un’Europa che ritrovi la sua identità sociale e si dia una nuova missione per il XXI secolo, all’altezza del nostro tempo. Ci battiamo per un’Unione politica, con Istituzioni più semplici e un riequilibrio di potere che ridimensioni l’assetto intergovernativo a favore della rappresentanza democratica e di un governo politico.

Le azioni che proponiamo:

Unione Politica

  • Il Parlamento cuore decisionale della UE
  • Elezione diretta del Presidente della Commissione UE
  • Partiti, associazioni, sindacati a dimensione europea
  • Referendum europei su questioni essenziali

Europa Sociale

  • BCE prestatore di ultima istanza e con mandato di perseguire anche la piena occupazione
  • Politica comune di investimenti
  • Armonizzazione dei sistemi fiscali
  • Assicurazione europea contro la disoccupazione
  • Piano per i giovani
  • Misure contro il dumping fiscale per disincentivare le delocalizzazioni
  • “Piano Prodi” per le infrastrutture sociali
  • Rafforzamento del bilancio proprio della UE
  • Bilancio della Zona Euro per attuare politiche anticicliche e di convergenza
  • Rafforzare la capacità regolativa di fronte ai colossi finanziari e digitali
  • Politica comune sulle migrazioni (alla UE la gestione della politica per i richiedenti asilo; confine unico europeo)

Politica verso il Mediterraneo e l’Africa

  • Rilancio delle istituzioni multilaterali
  • Impulso per ordine mondiale condiviso

Europa come attore globale

  • Al fianco dell’ONU per un nuovo ordine internazionale
  • Nelle sedi sovranazionali rappresentanza unica per gli stati della UE